Curiosità – Enna e Umberto

Panorama EnnaQuello tra Umberto Domina ed Enna è un rapporto forte e mai interrotto. L’autore ha trascorso gran parte della sua vita a Milano “rischiando”, come lui stesso scriverà in Contiene frutta secca parlando alla figlia, «di diventare settentrionale in seguito al matrimonio con tua madre».

Ma un vero settentrionale Domina non lo è mai stato. Il suo rapporto con Enna, dove ha trascorso gli anni del liceo, è stato quasi viscerale pur attraverso lo sguardo critico e sarcastico che lo caratterizzava.

La Castrojanni di Contiene frutta secca, ad esempio, è facilmente associabile al vecchio nome di Enna (Castrogiovanni) e, per chi la conosce, la città è riconoscibile anche dalla pungente descrizione:

«Castrojanni è una città verticale. Si sale per andare dalla stazione in città, dal cimitero alla Chiesa Madre, dalla sala da pranzo alla camera da letto; per cui chi parte, muore o va a colazione, più che scendere precipita. Le case non vengono costruite ma applicate al costone della montagna, come per fare da scalini ad un gigante e tra le più basse e quelle in alto il dislivello è tale che un comune trasloco costituisce un vero e proprio cambiamento d’ aria. Situata al centro della Sicilia per un deprecabile errore dell’ Istituto Geografico De Agostini, ha clima rigido, con vento e nebbia nella stagione invernale ed uno vagamente salubre in quella estiva. Ma splendido è il cielo: il più azzurro ed il più basso che esista, pieno zeppo di rondini che vagano a leggero contatto d’ ali, bassissime, quasi a carezzare gli abitanti. Per il resto è una città del Sud con tutte le carte in regola. La strada principale si chiama ovviamente via Roma ed anche ora che è cresciuta, che si è agghindata di qualche neon e si è vista spuntare due piccoli semafori ha mantenuto le grinze dell’ antica strada eletta a passeggiata festiva dei castrojesi. Numerosi i circoli, dove i giovanissimi parlano di sport, i giovani di donne o di evasione e i vecchi di politica. Con la tacita intesa che alla morte dei vecchi, giovani e giovanissimi avanzeranno di argomento. Troppi gli uffici, uno i musei, molti i bar, due i cinema e 5 i teatri (come vedremo). Uno l’autobus che, con artificio non del tutto inutili (se molti turisti tornano ai loro paesi di origine con la sensazione di una Castojanni dotata di due autobus), in discesa cambia numero. Una delle tante stramberie locali».

Ma se la presenza di Enna nel suo lavoro è evidente (ha curato tra l’altro una raccolta di proverbi e modi di dire ennesi dal titolo Enna per modi dire) quello che stupisce è la costante rievocazione della città nei discorsi di Domina con gli amici. A tal proposito scriverà Guido Clericetti su La Repubblica del 6 luglio 2008 che Domina gli raccontava spesso di Enna e degli ennesi tanto da suscitare in lui la curiosità di visitare la città. Così, anni dopo, quando Clericetti si recherà Enna durante una manifestazione per omaggiare l’amico scomparso, si ricorderà dei racconti di Domina e scoprirà che nel descriverla non era stato poi del tutto sincero:

«Bella città, certo, con palazzi e piazze e vedute e monumenti da ricordare. Una delle tante squisite piccole città che fanno dell’Italia il Paese più meraviglioso del mondo, Italiani di oggi a parte. Ma devo riconoscere che l’Enna di Umberto non è questa che ho visto. Per me Enna, quella vera, è quella che non c’ è più come non c’ è più lui. Ma che è lì nel mio cuore, come c’ è lui. In Paradiso Umberto me la farà finalmente conoscere, mi farà da guida e mi mostrerà che era tutto vero, proprio come lo raccontava lui. Lo so perché l’anno scorso, quando la mattina dopo mi sono alzato e ho aperto la finestra della camera dell’albergo, abbastanza sul presto perché dovevo partire in aereo per Milano, ho visto la nebbia. Tantissima nebbia. Un gran nebbione, per dirla alla milanese. E della nebbia di Enna Umberto non mi aveva mai parlato. Uno scherzo alla Domina, ho pensato».

Umberto Domina ed Enna, un rapporto  destinato a durare nel tempo. Se prima era Domina a parlare di Enna, ora è Enna con il Premio nazionale di letteratura e di arti visive umoristiche a omaggiare Umberto Domina.

Copyright 2018 Rotary Club Enna. All rights reserved